Bonus bici a colazione: da oggi alle 9 via ai rimborsi

Bonus bici a colazione: da oggi alle 9 via ai rimborsi

QUESTO MARTEDÌ IL MINISTERO FARÀ PARTIRE IL “CLICK DAY” AL MATTINO, PER EVITARE ASSALTI NOTTURNI AL PORTALE WEB DEDICATO

Caffè, cornetto e bonus bici. Niente ore piccole e nottate di passione per inserire i dati necessari a ottenere l’incentivo statale, il ministero dell’ambiente ha infatti deciso che il click-day di martedì inizierà alle 9 DEL MATTINO (QUI come fare a richiedere rimborso o voucher). Il portale dedicato (WWW.BUONOMOBILITÀ.IT) prima di quell’orario non sarà attivo. Si tratta di una scelta di buon senso perché era alto il rischio di un assalto notturno, come altrettanto alto era la possibilità di vedere esaurire i FONDI (circa 210 milioni di euro) prima dell’alba, creando così malumore tra chi non possiede una connessione rapida. Non solo, per i vari problemi tecnici si potrà TELEFONARE al centralino del ministero per farsi passare una squadra dedicata al bonus bici in grado di aiutare i cittadini. Sono queste le novità sostanziali di un incentivo molto atteso dagli italiani che dal 4 MAGGIO (primo giorno utile per accedere al bonus) hanno fatto la fila nei negozi per comprare bici (anche a pedalata assistita). I NUMERI sono chiari: le previsioni per il 2020 arrivano a 2 milioni di due ruote vendute, con le E-BIKE che salgono a una quota del 12% (all’incirca 230-240 mila).

REQUISITI

—   Ma quali sono i REQUISITI per ottenere l’incentivo (copre il 60% dell’importo speso, ma il tetto massimo di rimborso è 500 EURO)? Come scritto, martedì dalle 9 del mattino bisognerà collegarsi nella piattaforma approntata dal ministero. Prima si fa, meglio è: i rimborsi seguiranno infatti l’ordine d’inserimento e non quello d’acquisto. Una volta entrati (attenzione: necessaria l’identità digitale, la cosiddetta SPID), bisognerà caricare in formato pdf un documento personale, la fattura o lo scontrino parlante (riporta il codice fiscale del cliente e la tipologia di merce comprata) dell’acquisto e le proprie coordinate bancarie. L’incentivo lo possono richiedere i maggiorenni residenti nei capoluoghi di Provincia o Regione, nei paesi che fanno parte delle 14 Città metropolitane oppure chi abita nei Comuni con oltre 50mila abitanti. Questa procedura vale per chi ha già comprato la bici, ma in teoria la finestra aperta per ottenere l’incentivo arriva fino al 31 dicembre. In questo caso la procedura prevede sempre il passaggio obbligato sulla piattaforma del ministero tramite l’identità Spid e una volta completata l’iscrizione si potrà stampare un voucher-sconto da presentare ai rivenditori segnalato sul sito che aderiscono all’iniziativa. Visto il boom di vendite, i 210 milioni stanziati per il bonus mobilità potrebbero esaurirsi in poche ore, ma dal ministero filtra ottimismo: dovrebbero arrivare ALTRI FONDI in modo da rimborsare tutti quelli che ne hanno diritto.

Fonte: https://www.gazzetta.it/bici/01-11-2020/bonus-bici-martedi-3-novembre-9-via-rimborsi-390497466772.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: