Colbrelli raddoppia: “Ritento alla Roubaix! E al Giro che occasione...“

Colbrelli raddoppia: “Ritento alla Roubaix! E al Giro che occasione...“

Ci può essere qualcosa di più difficile di vincere una Parigi-Roubaix memorabile al debutto, come ha fatto Sonny Colbrelli? Forse sì: la gestione del ‘dopo’. “Non ero abituato a tutte queste attenzioni — confessa il 31enne bresciano, campione europeo e italiano —. Il mio problema è che non sono capace di dire di no. Ho dovuto cominciare, perché girare a destra e sinistra come una trottola non è l’ideale. Mi sono sentito come in un frullatore, in una centrifuga”. Ieri Colbrelli ha ricevuto il prestigioso Giglio d’Oro (48ª edizione) a Pontenuovo di Calenzano (Fi) come miglior pro’ italiano (alla sera ha cenato a Milano con l’ex c.t. Cassani), il giorno prima si era preso un po’ di tempo per autografare 600 (!) sampietrini, iniziativa del fan club. La Colbrellimania non si placa.

COLBRELLI, MEGLIO ALLENARSI ANCHE DURAMENTE CHE GESTIRE I TANTI IMPEGNI-EXTRA?

“Il ritiro con la squadra comincerà l’8 dicembre, in Spagna ad Altea. E in un certo senso sono contento perché mi potrò ‘riposare’ più che a casa. Fino a sei ore al giorno in bicicletta, certo, ma poi i massaggi e sere tranquille. Film, qualche ‘cavolata’ con il mio braccio destro Damiano Caruso… Ah, insieme a lui e alle nostre famiglie andremo assieme anche a Gran Canaria dal 26 dicembre al 6 gennaio. Tanta bici, nessuna distrazione”.

INTANTO IL PEZZO DI PAVÉ TROFEO DELLA ROUBAIX DOVE STA?

“Su un bel tavolo a casa mia. Lo tocco e lo guardo ogni giorno. Venerdì hanno fatto rivedere la corsa in tv e mi sono goduto gli ultimi trenta chilometri. Questo magnifico anno è stato importante, ma lo è di più ora mettere le basi per il 2022. La mia forza è proprio questa perché ci sto già pensando. Gli allenamenti non li trascurerò mai”.

DEL PROGRAMMA 2022 HA GIÀ PARLATO CON IL TEAM?

“Abbiamo visto che l’altura mi fa bene e quindi farò più giorni in quota. Voglio essere pronto per le Classiche di primavera, a cominciare dalla Sanremo. E mi piacerebbe tornare al Giro d’Italia a cui non partecipo dal 2016, anche perché nella prima tappa c’è l’occasione di prendere la maglia rosa. L’ho già vista, ci spero. Però dovrei essere capace di arrivarci bene, non esserci solo per portare la bici all’arrivo”.

HA MESSO A DISPOSIZIONE, PER UN’ASTA DI BENEFICENZA, UNA VERSIONE SPECIALE, NON IN COMMERCIO, DI CASCO E OCCHIALI CON LA LIVREA DI CAMPIONE EUROPEO.

“Sì, a favore della Croce Rossa, per la sicurezza stradale. Una causa alla quale tengo moltissimo. Rispettare al centodieci per cento il codice della strada è fondamentale. I ciclisti non sono da soli sulla strada, e sono protetti solamente dal casco. Lo dico anche agli amatori, che spesso vedo fare le gare del martedì in pausa pranzo. Bello che ci sia un po’ di bagarre, ma non a scapito delle regole. Vale per tutti”.

L’HA COLPITA QUANTO È SUCCESSO A FILIPPO POZZATO, DA POCO USCITO DALL’OSPEDALE DI VICENZA DOPO IL RICOVERO PER IL COVID?

“Sì. Mi era già chiaro che questo virus non va preso per nulla sotto gamba. E se il vaccino viene caldeggiato dalle istituzioni, bisogna farlo e basta perché evidentemente è necessario”.

NELLA LISTA DEI DESIDERI PER IL 2022 COSA C’È AL PRIMO POSTO?

“Riconfermarmi. Che poi sia la Sanremo, il Fiandre, la Roubaix… Anche vincere solo 3-4 gare invece di 8, ma di qualità”.

PERÒ LA GUARDERANNO TUTTI, ORMAI, DA MOLTO VICINO.

“Sarà più difficile. Ma se hai la gamba, poche storie. Pure se sei controllato, prendi e vai”.

SONNY, HA RIPENSATO IN QUESTI MESI A QUELLI CHE LA DERIDEVANO PERCHÉ ERA GRASSO? IL BULLISMO È ANCORA UNA PIAGA.

“Sì. C’era chi mi prendeva in giro, ma ora posso guardare questa gente con gli occhi della felicità e dell’orgoglio perché sono riuscito a diventare quello che volevo. Ai ragazzi che si sentono presi di mira da persone stupide dico: guardatevi allo specchio e sentitevi fieri di voi stessi”.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Ciclismo/16-11-2021/colbrelli-ritento-roubaix-giro-che-occasione-4202415713402.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: