Da Viviani a Ulissi, i pit stop per problemi al cuore prima del sollievo

Da Viviani a Ulissi,  i pit stop per problemi al cuore prima del sollievo

Da Elia Viviani a Martina Fidanza passando per Gianni Moscon e Diego Ulissi. Senza dimenticare Nairo Quintana. Sono solo alcuni esempi di corridori che in allenamento o in gara hanno avvertito malori e in alcuni casi si sono resi necessari degli interventi.

ABLAZIONE

—   A cominciare da Viviani. Il velocista oro a Rio nell’Omnium nel gennaio 2021 ha avuto problemi di aritmia cardiaca, contrattempo risolto con un intervento di ablazione all’atrio destro durato tre ore e mezza all’Ospedale Universitario Lancisi di Ancona. Nella stanza a fianco c’era Diego Ulissi a sua volta ricoverato per una miocardite riscontrata durante i controlli di inizio stagione. Il corridore dell’Uae Emirates ha poi avuto il via libera per tornare alle corse nell’aprile 2021.

Intervento di ablazione a cui si è sottoposta Martina Fidanza - iridata nello scratch su pista - a inizio 2022. L’azzurra era arrivata ad avere punte di 245 battiti. Non è invece servito nessun intervento a Gianni Moscon. Per lui nell’ottobre dello scorso anno si erano resi necessari accertamenti al cuore perché in corsa (anche al Mondiale di Lovanio) aveva avuto aumenti ingiustificati e rapidi della frequenza cardiaca. Ma gli esami non hanno evidenziato la necessità di interventi, neppure dell’ablazione.

AL TOUR

—   Nel 2013 problemi respiratori e asfissia per Nairo Quintana nella 15a tappa del Tour de France con arrivo sul Mont Ventoux. Il colombiano era stato l’ultimo ad arrendersi al ritmo forsennato del britannico Chris Froome cedendo solo 29”, ma all’arrivo iniziò a perdere sangue dal naso prima di perdere momentaneamente i sensi.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Ciclismo/22-03-2022/caso-colbrelli-viviani-ulissi-pit-stop-problemi-cuore-prima-sollievo-4301966428154.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: