Europei stellari a Trento. Ganna no-limits e Pogacar corre con la fidanzata

Europei stellari a Trento. Ganna no-limits e Pogacar corre con la fidanzata

L’attesa è stata lunga, il rinvio per la pandemia dello scorso anno è ormai “smaltito” e adesso è tutto pronto per lo show degli Europei di Trento, dove già si respira aria di festa grazie agli eventi collaterali che coinvolgono l’intera città. Da domani a domenica saranno cinque giorni senza respiro, in cui verranno messi in palio ben 13 titoli. Per prenderseli arriveranno 1042 atleti in rappresentanza di 39 Nazioni. E questo dice molto sulla crescita della rassegna continentale, partita con questo nuovo format a Plumelec, in Francia, nel 2016 (prima le gare erano riservate solo a Under 23 e junior) e cresciuta di anno in anno.

TEST IN PISTA

—   Quello in Trentino è un appuntamento di qualità, come testimonia il campo di partecipazione. Filippo Ganna, iridato a cronometro in carica (e olimpionico del quartetto), farà tre prove: oltre alla corsa contro il tempo (giovedì), staffetta (domani) e gara in linea (domenica). Un tour de force che non lo spaventa. Il gigante piemontese sabato ha svolto una serie di allenamenti nel velodromo di Montichiari in compagnia di Marco Villa che lo ha trovato in buona forma. “Abbiamo lavorato sull’esplosività - dice il c.t. della pista -, strappi brevi ma forti. Tutto secondo i piani. Filippo l’ho trovato bene. Era un po’ stanco come logico che sia, dopo il periodo in altura. Adesso (ieri ndr) abbiamo fatto i tamponi a Trento e poi siamo saliti assieme sul Bondone dove abbiamo l’hotel”. Ganna si troverà di fronte in tutte e tre le prove la star Tadej Pogacar, reduce dalla doppietta al Tour (e dal bronzo nella prova in linea a Tokyo) che da tempo ha confermato la propria partecipazione a Trento. Curiosità: il campione della Uae-Emirates correrà domani la staffetta uomini-donne (su 44,8 km: due giri del percorso della crono) assieme alla fidanzata Urska Zigart, campionessa nazionale slovena a cronometro nel 2020, con la quale spesso si allena in bicicletta nel tempo libero.

GLI ALTRI

—   Al via anche Peter Sagan. Lo slovacco ha aperto l’albo d’oro della prova in linea nella categoria élite nel 2016 e ora sta tornando nella forma giusta dopo l’infortunio al ginocchio patito al Tour, che lo ha costretto a un piccolo intervento chirurgico: il percorso della prova in linea, che tocca anche una parte del Monte Bondone (versante di Candriai) e la Valle dei Laghi, sembra cucito su misura per le sue caratteristiche. E poi come dimenticare Remco Evenepoel, che si è messo alle spalle la caduta al Lombardia 2020 e le recenti delusioni al Giro (ritirato dopo la tappa di Sega di Ala) e ai Giochi di Tokyo, dove non ha raccolto medaglie. Ad agosto il belga ha messo assieme quattro vittorie e ora sembra aver recuperato dopo i problemi intestinali che ne hanno causato il ritiro al Tour de Benelux, che ha visto il trionfo in classifica di Sonny Colbrelli. Il bresciano è la punta assieme a Matteo Trentin della Nazionale del c.t. Davide Cassani, che potrà contare anche su Gianni Moscon, che corre in casa, e Diego Ulissi.

SPERANZE ROSA

—   E le donne? A livello di squadra abbiamo parecchie carte da giocare. Elisa Longo Borghini è la nostra leader tra le élite, anche se dovrà affrontare Van Vleuten, Van der Breggen, Vos, Niewiadoma. “Il percorso è molto impegnativo - sostiene il c.t. Dino Salvoldi - e a livello di squadra Olanda e Germania obiettivamente sono superiori a noi. Ma le nostre sono forti. Elisa è la punta: sta molto bene, è in forma e ha dimostrato di poter competere a questi livelli. Dovremo cercare di arginare le “sparate” delle avversarie, in particolare della Van Vleuten, e poi cercare di batterle”. Nella prova per le under 23 abbiamo una grande chance con Vittoria Guazzini. “Lei è molto giovane - continua Salvoldi - perché è del 27 dicembre 2000, ma è molto forte e ci crediamo. Prima ha svolto la preparazione su pista in funzione dei Giochi, ora è tornata alla strada e sta facendo bene. Non vorrei crearle troppa pressione, ma nella crono ci aspettiamo grandi cose”.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Ciclismo/07-09-2021/europei-trento-gareggiano-anche-ganna-pogacar-4201047263475.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: