Laporte, Van Aert, Roglic: prova di forza e tripletta da paura. Colbrelli a 6’

Laporte, Van Aert, Roglic: prova di forza e tripletta da paura. Colbrelli a 6’

Uno, due e tre, come la Uae-Emirates al Trofeo Laigueglia quando aveva vinto lo sloveno Polanc su Ayuso e Covi. Ma la tripletta che ha servito la Jumbo-Visma nella prima tappa della Parigi-Nizza, in cui il nostro Sonny Colbrelli si è staccato nel finale, ha impressionato ancora di più. A Mantes la Ville, dopo 159 km, a vincere è stato il neoacquisto francese Christophe Laporte, acquistato per il 2022 dalla Cofidis per rinforzare il blocco delle classiche, davanti a Primoz Roglic, che punta al successo finale, e a Wout van Aert.

LAPORTE

—   Alle loro spalle, quarto a 19”, Latour della TotalEnergies, poi Pedersen (Trek-Segafredo) ha regolato il gruppo dei primi inseguitori. Si sono staccati Trentin (a 2’43”) e Colbrelli (a 6’41”). Il migliore dei nostri è stato Samuele Battistella, 23 anni, il trevigiano dell’Astana, 13° a 22”: nel 2019 a Harrogate ha vinto il titolo mondiale Under 23. Laporte è anche il primo leader della corsa che si concluderà domenica 13. Per lui è il 22° successo da professionista, primo di questa stagione: l’azione combinata sull’ultimo strappo a pochi chilometri dalla fine non ha lasciato scampo agli avversari. Lunedì seconda tappa, Auffargis-Orleans, km 159, per velocisti: è completamente piatta.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Ciclismo/06-03-2022/ciclismo-parigi-nizza-tripletta-paura-la-jumbo-visma-van-aert-4301729489658.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: