Marta, vuoi ancora ritirarti? Bastianelli imbattibile nel “suo” Belgio

Marta, vuoi ancora ritirarti? Bastianelli imbattibile nel “suo” Belgio

Chiamiamola la pioniera. Sì, perché Marta Bastianelli con le sue volate sta battezzando al meglio il debutto della sua nuova squadra, la Uae Adq, la prima formazione araba nel WorldTour: un’idea venuta a Mauro Gianetti, il general manager dell’Uae Emirates di Pogacar e adesso realizzata con il supporto di un altro ticinese, l’ex pro Rubens Bertogliati. La struttura viene dalla Alé Btc Ljubljana, la squadra WorldTour di Alessia Piccolo che Gianetti ha rilevato completamente. E Marta Bastianelli ha capito perfettamente l’importanza di questo investimento. Per lei, la terza vittoria in tre settimane: e sono 38 in carriera, non poche per una donna.

Dopo le due in Spagna a Valencia (la seconda battendo l’iridata Balsamo), oggi Marta Bastianelli è tornata a esultare nel “suo” Belgio: qui nel 2019 regalò all’Italia un pomeriggio indimenticabile, poche ore prima della doppietta di Alberto Bettiol tra gli uomini. Nell’Omloop van het Hageland, 128 km a Tielt-Winge con 8 Muri, la laziale ha battuto la norvegese Emma Norsgaard (Movistar) e l’olandese Floortje Mackaij (Team Dsm): quarta la friulana Elena Cecchini (Sd Worx). E chissà, i pensieri di ritiro a fine stagione di Marta Bastianelli, la voglia di un’altra maternità: ma l’Italia può privarsi di una campionessa così, capace di vincere con due generazioni di cicliste?

LE PAROLE Bastianelli, felicissima, spiega: “Sulle strade del Belgio serve sempre tanta attenzione, bisogna correre in testa al gruppo e stare attente alle fughe più importanti. Abbiamo rischiato più volte di rimanere fuori, ma ho avuto delle grandi compagne come Laura (Tomasi) e Alessia (Patuelli), che hanno tirato alla morte insieme a Eugenia (Bujak) per chiudere sulle fughe più importanti. Io e Sofia (Bertizzolo) siamo state attente nelle fughe decisive. Nel tratto finale in pavé è andata via questa fuga nella quale sono riuscita ad entrare e siamo arrivate fino al traguardo. L’arrivo è stato micidiale, perché negli ultimi 6 chilometri ci sono stati una continua serie di attacchi e quindi ho dovuto ricucire più volte su questi allunghi, lottando anche contro il vento. Sapevo che dovevo stringere i denti e tenere duro per fare una buona volata. Ringrazio tutta la squadra e speriamo di continuare così anche alle Strade Bianche di sabato”. Prima della corsa Gazzetta, Bastianelli sarà in gara ancora in Belgio a Le Samyn des Dames.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Ciclismo/27-02-2022/ciclismo-bastianelli-trionfa-omloop-van-het-hageland-4301628421272.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: