C’è la Freccia Vallone. Roglic, Valverde... Chi spianerà il Muro di Huy?

C’è la Freccia Vallone. Roglic, Valverde... Chi spianerà il Muro di Huy?

Lassù si fa la storia. In cima a quel Muro non lungo ma spietato, lo spettacolo è assicurato e la linea del traguardo consegna all’immortalità sportiva. I corridori ci arrivano con la faccia sfinita dalla fatica e l’acido lattico che rende i muscoli duri come pietre, dopo 194 chilometri (partenza da Charleroi) e 12 côte che si concludono su quello che è conosciuto anche come il «Chemin des Chapelles», per le sette cappelle che portano fino al traguardo. La Freccia Vallone numero 85 ritorna nel suo habitat naturale (ad aprile, il mercoledì prima della Liegi) e mostra con orgoglio il suo luogo simbolo, il Muro di Huy appunto (1300 metri, pendenza media del 9,6% e punte al 19%), che si porta dietro un carico di gloria che spessissimo ci ha guardato da vicino. Fra tutte le classiche del Nord, questa è quella che abbiamo vinto più volte: ben 18. Da Fermo Camellini nel 1948 a Danilo Di Luca nel 2005. I nostri plurivittoriosi sono Moreno Argentin e Davide Rebellin che su queste pendenze hanno trionfato tre volte, come Eddy Merckx e Marcel Kint. Ma c’è chi ha fatto meglio. Si chiama Alejandro Valverde e può mostrare cinque stellette, di cui quattro consecutive: Huy è come se fosse il giardino di casa sua. Il murciano è ancora molto competitivo a dispetto dei 41 anni che compirà domenica e sarà da tenere in grande considerazione anche oggi, in quella che probabilmente sarà la sua ultima partecipazione. Il tracciato è perfetto per lui. Un po’ come per Julian Alaphilippe, che qui ha trionfato due volte e che nel 2021 ha vinto solo alla Tirreno-Adriatico, nella “nobile” tappa di Chiusdino.

GLI ITALIANI AL VIA

—   Alla gara partecipano 24 squadre. Mancherà la UAE Team Emirates che ha annunciato il ritiro dopo che Ulissi e un membro dello staff sono risultati positivi al Covid. Gli italiani: 37 Rosa, 52 Cattaneo, 72 Benedetti, 83 Conci, 122 Capecchi, 143 Battistella, 156 Oldani, 165 Sbaragli, 171 Aru, 205 Rota, 222 Canola, 227 Velasco, 243 Fedeli, 245 Finetto.

I MIGLIORI: 21 Woods, 51 Alaphilippe, 61 Pidcock, 62 Carapaz, 65 Kwiatkowski, 141 Fuglsang, 152 Gilbert, 181 Roglic, 191 Valverde.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Ciclismo/Classiche/21-04-2021/ciclismo-c-freccia-vallone-pogacar-roglic-valverde-chi-spianera-muro-huy-410336313249.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: