Dalla mountain bike alla rosa: Valter e la nuova tendenza

Dalla mountain bike alla rosa: Valter e la nuova tendenza

L’ossessione della strada può aspettare: basta guardare la classifica, dove il cambiamento generazionale si unisce a un’elevata polivalenza. L’ungherese Attila Valter corre sulla bici da strada da quattro anni e adesso è maglia rosa. Il secondo, Remco Evenepoel, ha fatto la prima gara il 2 aprile 2017: era un talento vero del pallone, capitano della Nazionale giovanile belga di calcio. Il terzo, Egan Bernal conosceva soprattutto la mountain bike quando dalla Colombia si è spostato in Europa: secondo nel 2014 e terzo nel 2015 ai Mondiali Mtb da juniores. Se invece i ragazzi tra 16 e 18 anni vengono pagati anche 2-3mila euro al mese e allenati come semi-professionisti con tabelle da pro’ che li obbligano a convivere con i misuratori di potenza, crescono ossessionati dalle cifre e perdono di vista il dono più grande: la fantasia, la spontaneità, l’inventiva. Strada, pista, ciclocross, mountain bike e Bmx devono essere complementari per arricchire non il portafoglio, quanto la personalità. È lo sforzo che il c.t. Cassani e la Federciclo stanno pian piano inculcando nelle nuove generazioni e nelle società giovanili.

LE STORIE

—   Attila Valter, ungherese, ha 22 anni e da due giorni è la maglia rosa. Sale su una bicicletta da strada solo a 18 anni, da junior, “per divertirmi. Io venivo dalla mountain bike e mi piaceva moltissimo, i miei modelli erano Absalon e Schurter, ma per fare carriera dovevi entrare nelle squadre migliori, ed era difficile per un ungherese. Prima ancora avevo fatto pallamano, basket, baseball e anche la Bmx. In quegli anni trovavo monotono il ciclismo su strada, lo guardavo in tv solo per vedere Bodrogi (il primo grande pro’ ungherese, ndr)”. Sulla salita di Ascoli-San Giacomo, giovedì ha vinto lo svizzero Gino Mader: ha 24 anni e viene considerato il miglior talento del Paese. Così si racconta: “La bicicletta deve essere il biglietto per una vita migliore. Quando vado in bici io mi sento libero, e non voglio perdere questo sentimento. Correre è divertirmi, anche adesso. In Svizzera abbiamo un’ottima formazione: mountain bike, ciclocross, pista, strada, ho fatto tutto. Daniel Gisiger, il nostro tecnico della Nazionale (ottimo cronoman e pistard ai tempi di Moser, ndr), ci ha spinto a provare ogni specialità”. In Italia l’esempio è Filippo Ganna, che ha investito sulla pista sin da giovane e adesso, dopo i quattro Mondiali nell’inseguimento, può giocarsi a Tokyo con il quartetto una medaglia olimpica: più 5 tappe al Giro e 5 giorni in maglia rosa.

SFIDE KOLOSSAL

—   Qui al Giro ci sono Peter Sagan, che nel 2008 ai Mondiali juniores è stato argento nel ciclocross e oro nella mountain bike, e il belga Tim Merlier, vincitore a Novara, cresciuto nel cross. In primavera abbiamo ammirato sfide kolossal tra l’olandese Mathieu Van der Poel e il belga Wout Van Aert. Vdp vanta 6 Mondiali cross, classiche come Fiandre, Strade Bianche e Amstel, oro europeo Mtb e argento mondiale: ieri ha vinto un’altra gara Mtb a Nove Mesto (Rep. Ceca). Van Aert ha centrato la Sanremo dopo 4 Mondiali di cross. C’è il britannico Tom Pidcock, che dopo cross e strada sfida Van der Poel in mountain bike, e dai sentieri arriva l’iridato Julian Alaphilippe: 2° al Mondiale juniores di cross 2010.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Giroditalia/15-05-2021/giro-104-mountain-bike-rosa-valter-nuova-tendenza-4101036021585.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: