Fortunato e la favola dello Zoncolan: l’amico di Tomba si scopre campione

Fortunato e la favola dello Zoncolan: l’amico di Tomba si scopre campione

“Sono un ragazzo fortunato perché mi hanno regalato un sogno”, come cantava Jovanotti. Che, non a caso, di nome fa Lorenzo, appunto come Lorenzo Fortunato, il dominatore dello Zoncolan al Giro d’Italia 2021 e una delle favole più belle dell’ultima edizione della Corsa Rosa, tanto da meritarsi il premio per l’impresa più bella. Una carriera da corridore normale, fino all’apoteosi del 22 maggio: “Pedalavo con gli amatori alla domenica, ho sempre fatto ciclismo senza stress e senza pretese, divertendomi. A volte mi sono anche arenato e “seduto”, poi da quest’anno mi sono rimboccato le maniche”.

LA BOMBA

—   Lorenzo è bolognese di Castel de’ Britti, alle porte di Bologna, dove vive anche Alberto Tomba. Lo Zoncolan è stato scoperto quando “la Bomba” aveva già smesso di sciare, ma Alberto dopo quella tappa è andato a casa Fortunato a festeggiare la vittoria di Lorenzo. Lui e il papà, Marco, erano compagni di banco alla scuola dai Salesiani, un’amicizia che dura: “Lui è il mio Lorenzo il Magnifico, ha un fisico che mi ricorda Marco Pantani. È stato grandioso, e speriamo che questa tappa con la T maiuscola gli porti fortuna”. Lorenzo ha 25 anni, terza stagione da professionista e disputava il Giro per la prima volta. Laureato in Scienze Motorie, un passato a giocare a pallone nel San Lazzaro, il ciclismo che entra in casa da papà Marco, cicloamatore. È uno dei ragazzi su cui Ivan Basso e Alberto Contador puntano nell’avventura della Eolo-Kometa, la neonata squadra Professional destinata a sbarcare nel WorldTour in un paio d’anni. E l’azzurro della maglia ha illuminato la vetta dello Zoncolan.

EOLO E IL GIRO: CHE PARTNERSHIP

—   EOLO affianca i Gazzetta Awards per un premio legato al Giro: “Siamo orgogliosi di supportare questa iniziativa e di assegnare il Premio Speciale Giro d’Italia - dice Luca Spada, fondatore e amministratore delegato di EOLO - perché crediamo fortemente nel valore inclusivo dello sport, che unisce l’Italia esaltando l’impegno comune. Una filosofia che ogni giorno guida EOLO nel lavoro per connettere l’intero Paese, per vincere il digital deve stare insieme, come una grande squadra”.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Giroditalia/11-12-2021/fortunato-favola-zoncolan-l-amico-tomba-si-scopre-campione-430400905593.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: