Quattro new entry Valcar-Pbm più forte

Quattro new entry Valcar-Pbm più forte

L’azzurra Maria Giulia Confalonieri, 24 anni, una delle quattro nuove arrivate in casa Valcar-Pbm. Bettini

Tutte italiane, quasi tutte giovanissime. E’ fatto l’organico della Valcar-PBM per l’annata 2018. Una squadra, quella bergamasca diretta da Davide Arzeni, che ha archiviato con soddisfazione la nona stagione di attività, la prima nella categoria elite, e si lancia sulla seconda forte di quattro importanti innesti che rispondono ai nomi di Maria Giulia Confalonieri, Asja Paladin, Ilaria Sanguineti e Alessia Vigilia. Si aggiungono alle confermate Allegra Arzuffi, Elisa Balsamo, Marta Cavalli, Chiara Consonni, Dalia Muccioli, Silvia Persico, Silvia Pollicini, Miriam Vece e Chiara Zanettin.
CRETTI NEL CUORE — “Le elite saranno 13, ma la squadra in realtà è formata da 14 atlete” precisa il presidente Valentino Villa “perché nel nostro cuore Claudia Cretti veste e vestirà sempre la maglia blu fucsia. Negli ultimi giorni sono arrivate notizie confortanti a quattro mesi da quel terribile incidente (la drammatica caduta al Giro Rosa) e, indipendentemente da qualsiasi cosa, la vera vittoria è apprendere dei continui miglioramenti di Claudia da papà Beppe e mamma Laura”.
rinforzi — Il rinforzo più importante si chiama Maria Giulia Confalonieri, 24enne brianzola da anni nel gruppo azzurro, che nel 2017, ai brillanti piazzamenti su strada, ha abbinato in pista la medaglia di bronzo nell’eliminazione agli Europei e il terzo posto in Coppa del Mondo nell’Americana proprio in coppia con la sua prossima compagna di squadra Elisa Balsamo. Da segnalare anche la dote che porterà con sé Alessia Vigilia, argento nella crono juniores agli ultimi Mondiali. “Con l’arrivo di Confalonieri, Paladin e Sanguineti otteniamo tre risultati - spiega Villa -: innanzitutto daremo più spessore e consistenza al nostro team che ne beneficerà in termini di esperienza pur mantenendo bassa l’età media della squadra. Il secondo risultato è un considerevole balzo in avanti nel ranking UCI. Quest’anno siamo partiti in un’ultima posizione e siamo saliti fino alla 26esima grazie ai risultati delle nostre ragazze. Con queste nuove atlete potremo posizionarci stabilmente nelle prime venti squadre al mondo. Questo significa che potremo disputare le più importanti gare del World Tour alle nostre giovani atlete che così potranno fare esperienza ai massimi livelli”.