Bugno: «Mi ricandido alla presidenza del Cpa»

Bugno: «Mi ricandido alla presidenza del Cpa»

Gianni Bugno, 53 anni, presidente del Cpa, il sindacato dei corridori professionisti (Bettini)

Gianni Bugno ha annunciato di aver deciso che si candiderà per un terzo mandato alla presidenza del Cpa, il sindacato mondiale dei corridori professionisti. L’attuale mandato scadrà alla fine della stagione 2018. L’elezione del nuovo presidente dell’Uci, David Lappartient, è stato uno dei motivi, tra gli altri, per cui Bugno si ripresenterà alle elezioni. “Sono convinto che sia importante per i corridori dare continuità a quanto fatto finora e mi sta a cuore portare a termine alcuni progetti in corso, come mi ha suggerito David Lappartient nei diversi scambi che sono intercorsi tra noi dalla sua elezione”, ha detto Bugno.
Nel corso del Direttivo che si svolto a Milano sono stati anche toccati altri temi. Tra questi quello della perdita di posti di lavoro in seguito alla riduzione del numero dei corridori alla partenza dei grandi giri. Il Cpa è sempre stato contro questa decisione ma la maggioranza del Ccp (Consiglio del ciclismo professionistico) ha deciso diversamente, invocando motivi di sicurezza e l’obiettivo di aumentare l’interesse delle corse.
Riguardo la problematica dei freni a disco, il vice presidente Pascal Chanteur, ha sottolineato che, durante la ripresa dei test nel 2018 si dovrà tenere conto delle esigenze di sicurezza dei corridori (carter di sicurezza e studio indipendente delle performance di frenata dei due diversi sistemi). Inoltre i membri del Cpa hanno concordato che i corridori dovranno essere in grado di scegliere i freni che preferiscono e, soprattutto, dovranno avere la possibilità di testare in allenamento una bicicletta con freni a disco.