Ganna 5° senza rimpianti: “Più di così non potevo, ora la pista”. La crono premia Roglic

Ganna 5° senza  rimpianti: “Più di così non potevo, ora la pista”. La crono  premia  Roglic

Filippo Ganna si abbassa per un attimo la mascherina – la distanza lo consente – e mostra un sorriso che non è di circostanza: “Non ho rimpianti, rifarei tutto uguale. Ho dato il massimo, davanti a me c’è gente che vince corse a tappe ed era al Tour fino a qualche giorno fa… Più di così non potevo”. La cronometro olimpica – 44,2 km attorno al circuito del Fuji – ha premiato uno straordinario Primoz Roglic, che si è riscattato dopo le cadute e il ritiro del Tour de France: lo sloveno ha messo più di un minuto tra se e la concorrenza. Ma il 25enne piemontese, campione in mondo in carica della specialità, su un percorso che certamente non era disegnato per lui – 800 metri circa di dislivello – ha sfiorato il podio. Quattro secondi lo hanno separato dall’argento, andato all’olandese Tom Dumoulin, appena 2” dal bronzo dell’australiano Rohan Dennis. Filippo ha chiuso quinto, superato di pochissimo anche dallo svizzero Kung. Ma va sottolineata pure un’altra cosa: nessuno dei suoi rivali ha dovuto contemporaneamente prepararsi per la pista olimpica, visto che solo Ganna sarà impegnato nell’inseguimento a squadra la prossima settimana al velodromo di Izu.

MEDIA

—   Un’altra prova della durezza del percorso è data dalla media finale del vincitore, di poco superiore ai 48 orari. E ha pagato un dazio molto superiore a quello di Ganna anche quello che si poteva considerare il grande favorito, il belga Wout van Aert, che ha chiuso al sesto posto a 1’41” dopo l’argento della prova in linea. Così, il definire ‘solo’ quinto Ganna non fotografa esattamente la situazione, anche se è naturale che su di lui le aspettative fossero di un certo tipo. Semmai, avere sfiorato il podio oggi lascia immaginare che potrebbe essere molto competitivo in pista: il primo turno dell’inseguimento a squadra è in programma lunedì 2 agosto. L’altro azzurro, Alberto Bettiol, è stato autore di una prestazione più che sufficiente e ha chiuso all’11° posto. Tra le donne, oro all’olandese Van Vleuten con la nostra Longo Borghini, bronzo in linea, decima.

Fonte: https://www.gazzetta.it/olimpiadi/discipline/ciclismo/28-07-2021/olimpiadi-ciclismo-crono-ganna-quinto-l-oro-roglic-4103117920569.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: