Ganna, appuntamento con la storia nella “sua” crono

Ganna, appuntamento con la storia nella “sua” crono

Il nostro gigante, una sfida tra lo storico e il leggendario, una muta di rivali assatanati da mettersi alle spalle: non vediamo l’ora di godercela, non osiamo spingerci troppo con i desideri, non possiamo nascondere però che li coltiviamo eccome. Mercoledì mattina tocca a Filippo Ganna scendere nell’arena olimpica: la cronometro scatterà alle 14 giapponesi (le 7 in Italia) e per lui vale sempre il mantra che ci aveva riferito qualche giorno fa. “Nessun proclama, ma parto con l’idea di fare bene. Quando mi metto il numero non è mai per farlo vedere e basta”. La vigilia del primo appuntamento – l’inseguimento a squadre in pista sarà la prossima settimana – continua a vivere in un paradosso: Ganna è l’iridato in carica contro il tempo, arcobaleno magistralmente conquistato a Imola nel settembre 2020. Ma questo non basta a dargli la palma del favorito: questi 44,2 km attorno al circuito del Fuji assommano quasi 800 metri di dislivello e c’è chi – il fenomenale belga Wout Van Aert su tutti, secondo nella gara in linea – appare più attrezzato.

Fonte: https://www.gazzetta.it/olimpiadi/discipline/ciclismo/27-07-2021/olimpiadi-tokyo-2020-ciclismo-ganna-crono-4103080700420.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: