Oggi la seconda tappa: per Nibali il test del Mur de Bretagne

Oggi la seconda tappa: per Nibali il test del Mur de Bretagne

Tra il 1903 e il 2010, il Mur de Bretagne non era mai stato traguardo di tappa del Tour de France. La prima apparizione è datata 2011 e fu altamente spettacolare: l’australiano Cadel Evans, futura maglia gialla a Parigi, beffò Alberto Contador. Da allora già altre due presenze, 2015 e 2018, prima del traguardo odierno dell’edizione 108 della Boucle: questi 2 chilometri al 6,9% di pendenza media stanno diventando familiari e sono garanzia di spettacolo.

IL PERCORSO

—   Da Perros-Guirec al Mur de Bretagne/Guerledan, la seconda tappa misura 183,5 chilometri, con partenza alle 13.20 e arrivo intorno alle 17.15. Come quella di sabato, si tratta di un’altra frazione abbastanza vallonata con 6 Gpm in totale, di cui 4 di quarta categoria mentre il Mur de Bretagne sarà affrontato due volte in tutto. Attenzione: al primo passaggio, quando mancheranno una quindicina di chilometri alla fine, ci sono abbuoni supplementari ai primi 3: 8”, 5” e 2”, mentre al traguardo come al solito 10”, 6” e 4”. Per quanto riguarda gli altri due precedenti, nel 2015 vinse Vuillermoz mentre nel 2018 trionfò Daniel Martin, ora in gara con Israel Start Up Nation. Si può ricordare come in entrambi i casi c’era Vincenzo Nibali che fu autore di due prestazioni molto diverse: 6 anni fa lo Squalo perse 10” rispetto ai migliori e chiuse scurissimo in volto. Mentre 3 anni fa fu molto più pimpante e arrivò senza problemi nella scia di Thomas e Roglic.

LA SITUAZIONE

—   Si riparte con in maglia gialla Julian Alaphilippe, dopo il grande assolo finale di ieri sullo strappo di Landerneau. Il 29enne francese della Deceuninck-Quick Step è al comando con 12” su Matthews, australiano della BikeExchange, 14” su Roglic, sloveno della Jumbo Visma, e 18” su Haig, australiano della Bahrain-Merida. Il miglior italiano è Vincenzo Nibali, 18° a 18”. Già a casa, dopo le cadute di sabato, Sutterlin, Konovalovas, Soler e Lemoine.

FROOME C’È

—   “Pronto per il secondo round”. Così in mattinata Chris Froome ha annunciato che sarà al via della seconda tappa del Tour dopo le botte rimediate cadendo sabato nel finale della prima. Già ieri sera il team Israel aveva comunicato dopo gli esami medici che non c’erano fratture per il 36enne britannico 4 volte vincitore della Boucle.

PARTE ANCHE HIRSCHI

—   Ha deciso di prendere il via per la seconda frazione anche Marc Hirschi, lo svizzero compagno di squadra di Pogacar alla Uae-Emirates, finito sabato nel bosco: lamenta ancora forti dolori a una spalla ma ha deciso di stringere i denti e ci proverà.

Fonte: https://www.gazzetta.it/ciclismo/tour-de-france/27-06-2021/tour-seconda-tappa-nibali-test-mur-de-bretagne-4102299865250.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: